facebook zonderwater twitter 32 gplus-32 youtube 32 Picasa issuu

Joomla gallery by joomlashine.com

Gallery

Contatti

Per informazioni generali puoi contattarci inviandoci una email

Richiesta informazioni

Hai documenti o sei direttamente coinvolto con Zonderwater? Inviaci la tua segnalazione la inseriremo sul sito

Inviaci la tua richiesta

You are here: HomeDocumenti e videoArticoli2008/07/31 Articolo di Marguerite Lombard - Prisoners of war in valley -Libratti Sabatino

Associazione Zonderwater Block ex Pow

                                                                                                                               Informazione verde9eThis email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

                                           NEWS ! 

 click on the photo                      

ZONDERWATER POW Petizione

RIVOGLIAMO il RUOLO AFFIDATOCI dai P. di G. al RIMPATRIO!

 Per favore, FIRMATE LA PETIZIONE! Abbiamo bisogno della firma di tutti!
 Please, SIGN THE PETITION! Everyone's signature is needed!

 Grazie - Thank you

 

 https://secure.avaaz.org/community_petitions/it/ministro_della_difesa_lorenzo_guerini_commissariat_rivogliamo_il_ruolo_di_custodi_morali_di_zonderwater/ 

NonTiScordarDiMe FB    

Diamo il nostro sostegno al

"GRUPPO DELLE MEDAGLIE D’ORO AL VALOR MILITARE D’ITALIA"  

nel Progetto: “Caduti per la Patria, Fiore all’occhiello degli Italiani”. Dedicazione al Milite Ignoto del Myosotis (Non ti scordar di me) e adozione dello stesso quale simbolo floreale dei Caduti per la Patria

 

https://fb.watch/dHiGv_wCMh/

2008/07/31 Articolo di Marguerite Lombard - Prisoners of war in valley -Libratti Sabatino

 

Ricordi di Sabatino Libratti (con sue annotazioni)

Articolo di Marguerite Lombard sui prigionieri italiani impieìgati nella costruzione del Du Toit's Kloof Pass e nella raccolta della frutta presso le fattorie. La storia di Sabatino Libratti ex POW 25820. 

 Leggi l'articolo di Anna Rita van der Westhulzen sulla rivista Wellington, Sud Africa

collegamento al libro QUEL CA ME RICORDO 

leggi recensione di Giovanni M.Filosofo

collegamento all'articolo in lingua Afrikaans di Marguerite Lombard sulla rivista Wellington

 

testo in pdf

Sabatino 001 - Marguerite Lombard

clicca sull'immagine per leggere

***

traduzione

PRIGIONIERI DI GUERRA NELLA VALLE

Post Scriptum - Marguerite Lombard

È risaputo che i prigionieri di guerra italiani aiutarono a costruire il Du Toit's Kloof Pass durante la seconda guerra mondiale, che molti furono impiegati come braccianti nelle fattorie locali e coloro che erano abili muratori furono invitati a svolgere piccoli lavori di edilizia privata in tutta la valle.

A parte questo, i fatti sono piuttosto approssimativi, quindi fui felice di imbattermi in alcuni frammenti interessanti mentre sfogliavo alcuni Paarl Posts del periodo di guerra.

Nel novembre 1942 un giornalista del Paarl Post annunciò che stavano per iniziare i lavori su una strada nazionale attraverso il Kloof di Du Toit e che un campo base era stato allestito nella fattoria Keerweder a Klein Drakenstein. Il villaggio di tende era abbastanza grande da ospitare 800 lavoratori, molti dei quali sarebbero stati prigionieri di guerra italiani.

L'arrivo imminente degli italiani dal grande campo di prigionia a Worcester è stato evidentemente un argomento per alcune vivaci conversazioni e per qualche trepidazione nella comunità conservatrice di Paarl.

Secondo il rapporto, una strada dal campo verso la stazione di Paarl sarebbe stata completata durante la prima fase del progetto e il nuovo passo di montagna durante la seconda fase.

A metà novembre il campo era pronto e il capitano Morris, il comandante del deposito di rifornimenti. ha iniziato i colloqui con la Paarl Farmers'Association per procurarsi cibo per il campo base.

Il fabbisogno alimentare settimanale per il grande insediamento comprendeva 45 litri di latte, 60 dozzine di uova, 136 chilogrammi di verdure e 181 chilogrammi di carne. Non tutti i prigionieri erano impiegati nel progetto Kloof della Du Toit. Alcuni sono stati incaricati di fornire la manodopera necessaria nelle aziende frutticole durante l'estate.

Secondo un altro rapporto ai prigionieri di guerra venivano dati contratti di tre mesi, un salario simbolico e una serie di abiti da lavoro. L'agricoltore doveva anche fornire tre pasti al giorno (boerekos giornalieri = cibo del agricoltori) e l'alloggio consigliato era un capannone pulito e ben ventilato con paglia per la lettiera.

Sono stati forniti anche interpreti che hanno svolto il ruolo di capogruppo. Per motivi di sicurezza, i prigionieri di guerra non erano tuttavia autorizzati a lavorare nelle fabbriche.

Lo status ambivalente dei prigionieri nella comunità è stato evidenziato in un rapporto apparso in un'edizione del dicembre 1942. C'era stato un "incidente" in uno dei cinema locali quando il direttore aveva vietato a un gruppo di prigionieri di guerra di vedere un film.

La situazione è stata attenuata dal tempestivo arrivo di un contadino di Klein Drakenstein che sapeva parlare poche parole di italiano. Qualche anno fa uno dei prigionieri di guerra, Libratti Sabatino, ha inviato una lettera al Paarl Post, esprimendo il desiderio di contattare le famiglie che aveva incontrato in Sud Africa, e in particolare la famiglia Cillie di Slangrivier a Wellington.

Era stato catturato durante la campagna del Nord Africa e, all'età di 24 anni, aveva bei ricordi del suo soggiorno nella valle: l'ospitalità dei contadini, la raccolta e l'essiccazione delle albicocche durante i mesi estivi, flirtare con le ragazze boere e infrangere il coprifuoco per entrare in città per una pinta (di birra) al locale.

Ci sono un numero di fotografie dei prigionieri di guerra nella Gribble Collection di Drakenstein Heemkring con cognomi come Petretta, Merolla, Quercioli, Manzulli, Minelli, Di Pompa, Rosso, Di Maggio, Dellria e Basile.

I prigionieri di guerra furono tutti rimpatriati nel 1945 alla fine della guerra. Prima di andarsene, alcuni di quelli con sede al campo Keerweder sono saliti in cima al Contrafforte degli Ugonotti che sovrasta la valle del Drakenstein e hanno piantato una grande croce di legno a forma di T sulla sua sommità per commemorare i loro compagni caduti e il loro soggiorno nella valle del Drakenstein.

La croce è stata sostituita da una in acciaio inossidabile ed è tuttora mantenuta dai contadini di Klein Drakenstein in memoria dei prigionieri di guerra italiani.

È una bella storia, perché è piena di speranza e compassione: che nonostante il conflitto globale, lo sconvolgimento politico e il cambiamento economico, le persone possono ancora avere la capacità di connettersi a livello individuale e che attraverso la compassione e la tolleranza sono in grado di trascendere la politica.

 

 

Facebook Fan Page

Da sfogliare

Visite Sito

Aiutaci con una donazione

Donazioni

            Qualunque offerta sarà molto gradita.



 Aiutaci con una donazione:
  1. Per contribuire alle spese di mantenimento di questo sito web
  2. Per l'Associazione Zonderwater Block ex PoW:                                                                                              a) Album P.O.W.       b) Richieste di informazioni sui prigionieri 
  3. Albero del ricordo: nel terreno antistante il sito che ospita il Cimitero c'è la possibilità di piantare un albero a ricordo di un ex pow il cui nome figura in una bacheca aggiornata annualmente dall'Associazione Zonderwater Block ex P.O.W.
    L'importo da noi suggerito per la donazione è di 100,00 Euro. 60,00 Euro/600,00 Rand sono per l'albero, come stabilito dall'Associazione. La differenza di 40,00 Euro va al Museo della stessa Associazione per l'annuale manutenzione.