facebook zonderwater twitter 32 gplus-32 youtube 32 Picasa issuu

Joomla gallery by joomlashine.com

Gallery

Contatti

Per informazioni generali puoi contattarci inviandoci una email

Richiesta informazioni

Hai documenti o sei direttamente coinvolto con Zonderwater? Inviaci la tua segnalazione la inseriremo sul sito

Inviaci la tua richiesta

You are here: HomeDocumenti e videoArticoli2002/12/12 Articolo su "Ceglie On-line" : Trova la sua famiglia dopo più di mezzo secolo. Francina Hodgkinsons figlia del POW Francesco Bellanova

Associazione Zonderwater Block ex Pow

                                                                                                                               Informazione verde9eThis email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

                                           NEWS ! 

 click on the photo                      

ZONDERWATER POW Petizione

RIVOGLIAMO il RUOLO AFFIDATOCI dai P. di G. al RIMPATRIO!

 Per favore, FIRMATE LA PETIZIONE! Abbiamo bisogno della firma di tutti!
 Please, SIGN THE PETITION! Everyone's signature is needed!

 Grazie - Thank you

 

 https://secure.avaaz.org/community_petitions/it/ministro_della_difesa_lorenzo_guerini_commissariat_rivogliamo_il_ruolo_di_custodi_morali_di_zonderwater/ 

NonTiScordarDiMe FB    

Diamo il nostro sostegno al

"GRUPPO DELLE MEDAGLIE D’ORO AL VALOR MILITARE D’ITALIA"  

nel Progetto: “Caduti per la Patria, Fiore all’occhiello degli Italiani”. Dedicazione al Milite Ignoto del Myosotis (Non ti scordar di me) e adozione dello stesso quale simbolo floreale dei Caduti per la Patria

 

https://fb.watch/dHiGv_wCMh/

2002/12/12 Articolo su "Ceglie On-line" : Trova la sua famiglia dopo più di mezzo secolo. Francina Hodgkinsons figlia del POW Francesco Bellanova

 

Giovedì, 12 Dicembre 2002

Ceglie (Brindisi)  "L'Idea on line"  -  Articolo: "Trova la sua famiglia dopo più di mezzo secolo"

Francina Hodgkinsons, figlia del POW Francesco Bellanova

 

Trova la sua famiglia dopo più di mezzo secolo 

Giovedì, 12 dicembre

Francina HodgkinsonsCi sono voluti diversi anni, interi lustri, ma alla fine la sua «testarda » ricerca ha avuto buon esito e così Francina Hodgkinsons ha ritrovato il suo papà, o meglio la sua famiglia considerato che, nel frattempo il genitore, Francesco Bellanova, era deceduto. Una storia da «Chi l’ha visto», forse più difficile perché la ricerca partiva solo da un nome, quella del soldato Francesco Bellanova.

L’agricoltore cegliese aveva solo 21 anni quando ferito venne catturato a Tobruk insieme a migliaia di altri compagni. Siamo in un paesino del Sud Africa. Qui Francesco Bellanova si innamora di Hester, una giovane del luogo, figlia del proprietario di una delle aziende nelle quali lavoravano i prigionieri. Hester e le altre sorelle (lei era la più giovane di 10 figli), che la pensavano diversamente dal padre - i prigionieri erano solo degli stranieri - e, perciò, si dettero un gran da fare per aiutarli. Dalla sincera relazione tra Francesco ed Hester nasce, nel maggio del 1945, un mese dopo la fine della guerra, Francina.

L’anno seguente Bellanova fu rimpatriato. Quello che i due si dissero alla partenza rimane un mistero, ed a nulla valsero le insistenze di portare con sé in Italia Hester: il padre Johannes Petrus vietò alla figlia di partire per l’Italia. Undici anni più tardi Hester, mantenendo per sé il dolore per la perdita dell’uomo che le aveva dato una figlia, sposa un manager di lingua inglese che coltivava ananas, vicino ad Heast London e la piccola Francina trova il conforto di una figura paterna a lungo desiderata.

Dopo la morte della madre, avvenuta nel 1974, Francina si trovò tra le mani, per puro caso, un’agenda. In quelle pagine si parlava di Francesco Bellanova. «Quasi istintivamente - confida Francina - capii subito che quello era mio padre, anche perché immaginavo di avere un genitore italiano, non fosse altro perché mi soprannominavano "die italianer"». E da qui inizia la ricerca. «Cominciai a far domande - ricorda Francina - Francesco Bellanova nel campo di prigioniasenza approdare ad alcun risultato, fino a quando, un giorno, mia cugina Dawn mi mostrò una foto dicendomi che il terzo uomo a destra era mio padre, che mi voleva portare in Italia ma che il nonno glielo impedì. Iniziai la mia ricerca, volevo ritrovare mio padre ad ogni costo ». Dopo vari tentativi andati a vuoto lo scorso anno Francina scopre dell’esistenza di un microfilm con dettagli sui 96.000 prigionieri. Il presidente dell’Associazione Zonderwater, Emilio Coccia le dette l’indirizzo dell’epoca di Francesco Bellanova: Via Pisanelli in Ceglie Messapica. «Volevo andare subito ad abbracciarlo - ricorda Francina - però, purtroppo seppi che mio padre era morto cinque anni fa». Una notizia che le spezzò il cuore: «Decisi ugualmente di venire a Ceglie, in Italia dove non era mai stata prima di allora e con l’handicap di non conoscere una sola parola di italiano». Arriva a Ceglie lo scorso mese di settembre, alloggiando presso i Tre Trulli di proprietà dei Bellanova, lo stesso cognome del padre.Però nessuno di loro conosceva Francesco di Via Pisanelli. Nemmeno al Comune le furono di grande aiuto. Francina non aveva molto tempo a disposizione, solo due giorni. Troppo pochi. E qui, come in ogni storia, la casualità. La signora Anna,una delle consorti dei fratelli Bellanova proprietari del complesso alberghiero, riesce a rintracciare Antonio, uno dei figli di Francesco ed organizzò un incontro tra lui, sua sorella Giulia e Francina. L’incontro fu commovente, del resto il sangue non mente, quasi si conoscessero da sempre. Lacrime di gioia ed abbracci a non finire quando di lì a poco tutta la famiglia «cegliese» si riunì per accogliere la sorella, la cui conoscenza si ignorava totalmente.

In questo primo incontro per tutti divengono chiare molte cose. I figli di Francesco ora comprendono finalmente il perché gli occhi del loro padre si inumidivano quando parlava del Sud Africa e così ritornano alla mente le ultime parole che Francesco Bellanova pronuncò in punto di morte: «Attenzione alla mia bambina». Ora tutti sanno che quella bambina era Francina, che ha voluto conoscere tutti i suoi fratelli, recandosi perfino in Germania dove vive Sara di 42 anni. Gli altri fratelli sono Arcangelo (50 anni), Antonio (42), Giulia (32 la prima che ha conosciuto), Giuseppe, Teresa e Anna Maria, che vivono a Cascia.

 

 

Facebook Fan Page

Da sfogliare

Visite Sito

Aiutaci con una donazione

Donazioni

            Qualunque offerta sarà molto gradita.



 Aiutaci con una donazione:
  1. Per contribuire alle spese di mantenimento di questo sito web
  2. Per l'Associazione Zonderwater Block ex PoW:                                                                                              a) Album P.O.W.       b) Richieste di informazioni sui prigionieri 
  3. Albero del ricordo: nel terreno antistante il sito che ospita il Cimitero c'è la possibilità di piantare un albero a ricordo di un ex pow il cui nome figura in una bacheca aggiornata annualmente dall'Associazione Zonderwater Block ex P.O.W.
    L'importo da noi suggerito per la donazione è di 100,00 Euro. 60,00 Euro/600,00 Rand sono per l'albero, come stabilito dall'Associazione. La differenza di 40,00 Euro va al Museo della stessa Associazione per l'annuale manutenzione.